PROMETEA: il sistema AI adottato dai Tribunali Amministrativi della città di Buenos Aires

di

Stefano Palmacci

6.5.2021

5

minuti di lettura

Le Istituzioni argentine hanno avuto il coraggio e la capacità di risolvere una difficoltà del proprio sistema giudiziario, attraverso lo sfruttamento della tecnologia AI.

La città di Buenos Aires, nella persona del procuratore generale Juan Gustavo Corvalàn ha collaborato alla realizzazione di un sistema di intelligenza artificiale che consente la soluzione di casi giudiziari nel contenzioso amministrativo a struttura semplice e ripetitiva in uno spazio temporale di pochi secondi.

Lo sviluppo di questo sistema di AI chiamato Prometea, ha permesso di ridurre drasticamente i tempi nell'amministrazione della giustizia. Ad esempio, nel paradigma della burocrazia "cartacea", la produzione di 1000 sentenze sul diritto alla casa richiedeva 174 giorni di lavoro. Con Prometea ora si producono in 45 giorni.

Lo stesso accade con i casi relativi ai diritti dei lavoratori: 83 giorni per produrre 1000 sentenze, ora si ottengono in 5 giorni.

La tecnologia aiuta anche a controllare che le archiviazioni siano conformi a tutti i requisiti formali. Taglia il tempo da 160 a 38 giorni lavorativi per 1000 archiviazioni.

L'origine del problema e lo sviluppo della soluzione

Nella città di Buenos Aires il problema degli alloggi è molto sentito ed occupa un posto di primaria importanza, varie volte ha rischiato di intasare i Tribunali amministrativi.

All’inizio Prometea è stata sviluppata  proprio con l’obiettivo di smaltire il sistema da ingorghi per i casi di ingiunzioni giudiziarie su questioni di diritti di alloggio.

Sulla base dell'apprendimento della giurisprudenza fatta dal sistema (che comprendeva 2400 sentenze e 1400 pareri legali precedenti), sono state definite quattro classi di ingiunzioni giudiziarie di alloggio abbastanza particolari da permettere a Prometea di prevedere una soluzione:

o   quelle fatte da persone sane (si definisce di rifiutare l'ingiunzione);

o    quelle fatte da persone sane con figli (si concede loro un aiuto monetario);

o    e infine, quelle aperte da persone con disabilità e con più di 60 anni, (alle quali si ordina di garantire al governo l'accesso all'alloggio).

In queste decisioni non ci sono variabili e la macchina in questo caso lavora con un semplice IF-THEN

SI consideri che questi tipi di ingiunzioni rappresentano il 40% dei casi trattati dalla Corte Superiore di Giustizia Argentina.

Le Istituzioni argentine all’inizio hanno progettato il sistema con in mente l'ottimizzazione del sistema giudiziario. L'obiettivo era quello di snellire esponenzialmente i processi giudiziari a beneficio del cittadino. Più tardi, si è notato che i benefici che generava potevano essere sfruttati da qualsiasi organizzazione pubblica.

Dall'inizio del progetto, nell'agosto 2017, il progetto ha interagito con oltre 60 organizzazioni e istituzioni nazionali e internazionali (le Nazioni Unite, l'Organizzazione degli Stati Americani, l'Università di Oxford, l'Università della Sorbona, ecc) e Prometea ha contribuito ad automatizzare una serie di compiti per queste organizzazioni.

Prove di concetto sono state fatte nei sistemi di giustizia e nella pubblica amministrazione con i seguenti risultati:

·      Prometea ha previsto le sentenze dei tribunali in meno di 20 secondi, con un tasso di precisione del 96%.

·      Ha permesso di fare 1000 sentenze sui diritti di alloggio in soli 45 giorni, mentre ci vogliono 174 giorni con i metodi tradizionali.

·      Ha prodotto 1000 sentenze sulla sospensione della libertà vigilata per i guidatori ubriachi in 26 giorni. Ci vogliono 110 giorni per farlo manualmente.

·      Nella Corte Costituzionale colombiana, che riceve migliaia di depositi al giorno, è stato possibile ridurre il tempo assegnato alla selezione dei casi urgenti da 96 giorni a 2 minuti.

·      Nell'Ufficio del Registro Civile della città di Buenos Aires, 6.000 rettifiche di articoli amministrativi vengono effettuate in 2 mesi con Prometea. Prima ci volevano 8 mesi.

·      Nel campo degli appalti pubblici, la tecnologia permette di controllare i prezzi dei beni da acquistare. Prometea crea un capitolato in solo 1 minuto, mentre la redazione manuale del documento richiede 2 ore.

·      Lo stesso software è oggi in uso dalla Corte interamericana dei diritti umani, dove è utilizzato per ottimizzare i tempi, aumentando l’efficienza fino al 143 % ed una sperimentazione è in corso anche presso il Consiglio di Stato di Parigi.

In questo processo di disimparare e apprendere nuove logiche, le pubbliche amministrazioni devono sviluppare adeguate capacità di governance dei dati, garantendo al contempo uno sviluppo sostenibile e inclusivo dell'AI. Uno sviluppo che non crei nuove disuguaglianze ma che tenda a ridurre quelle esistenti. Pertanto, questa trasformazione deve essere gestita da un approccio di "tecnologia sociale".

La soluzione tecnologica

Questa soluzione tecnologica suggerita si basa sull'analisi, attraverso l'intelligenza artificiale, di casi analoghi precedenti a quello consultato, per la cui soluzione esistono precedenti reiterati. È un'inferenza probabilistica basata sulla ripetizione di parole chiave in ogni fascicolo di caso, che associa questo nuovo caso inserito con una risposta precedente.

Prometea non emette sentenze, ma una raccomandazione che il giudice prende in considerazione affinché emetta una sentenza, indicando anche il modello di parere giuridico. La logica con cui il sistema arriva a questa decisione finale è completamente tracciabile.

La raccomandazione sulla sentenza viene dapprima posta all’attenzione di un funzionario e se è d’accordo può continuare con il processo ottenendo una bozza di parere scritta dal sistema e stamparla per essere firmata dal Giudice, o semplicemente procedere con la stessa con una firma digitale, senza bisogno di usare un formato cartaceo o un intervento umano.

Attualmente questo sistema trova applicazione in oltre il 52% dei casi sottoposti alla Corte Superiore di giustizia della Città di Buenos Aires, con un tasso di successo (parametrato alle soluzioni poi effettivamente adottate dai magistrati) del 96% dei casi.

Prima di iniziare lo sviluppo del software, è stata fatta una diagnosi dei processi giudiziari esistenti e dei dati incorporati in essi. Questo ha identificato i processi da migliorare, il tempo impiegato per ciascuno di essi e l'uso da fare dei dati. Poi, i processi sono stati reingegnerizzati per adattarli alla digitalizzazione.

Gli sono stati insegnati casi storici del sistema giudiziario in modo da poter imparare da essi e, quando un nuovo caso è stato inserito, trovare modelli in comune e indicare possibili linee d'azione. Sono stati anche firmati accordi per la formazione del personale con il Registro Civile della Città di Buenos Aires, l'IACHR e la Corte Costituzionale della Colombia. È stato considerato importante per il successo di un sistema come questo avere sentenze precedentemente digitalizzate, idealmente in un formato prodotto da un elaboratore di testi o PDF, che permette il riconoscimento del testo.

Architettura del software

Il sistema è stato progettato con un'architettura a tre strati: In primo luogo, un'interfaccia utente che permette l'interazione (applicando l'AI); In secondo luogo, le regole di business, che dicono al sistema il contesto in cui dovrebbe elaborare le informazioni (applicando l'AI); Infine, l'accesso ai dati e l'archiviazione. Anche se il sistema non immagazzina dati da solo, ha dei protocolli per accedere ai dati immagazzinati in altri sistemi, o sul web.

È possibile apportare modifiche a ciascuno dei livelli senza alterare i livelli rimanenti, permettendo aggiornamenti più facili.

Funzionamento

Il sistema permette, attraverso l'interazione in una chat con una voce artificiale, la consultazione dei file inseriti. Indicando il numero della pratica, Prometea legge all'utente la copertina del caso e indica una possibile soluzione.

Prometea è stato testato anche presso la Direzione Generale degli Appalti e Contratti di Sicurezza del Ministero della Giustizia e della Sicurezza della Città di Buenos Aires.

Prima della sua attuazione, un appalto richiedeva (con una procedura digitalizzata) circa 29 giorni. Dopo aver incorporato l'intelligenza artificiale in questa procedura, è stato possibile ridurre la durata della procedura a 4 ore, incorporando anche più dati sul processo che prima non erano disponibili.

Ovvio la procedura di Prometea è applicata a casi semplici e ripetitivi, casi con un scarso grado di variabili, ma efficace in quanto sembra che la citta di Buenos Aires abbia risolto un problema di intasamento giudiziario a vantaggio dei cittadini e del sistema giustizia.

Potrebbe essere replicabile in Italia una simile tecnologia ?

Si pensi a tutti quei casi ripetitivi e stardardizzati senza variabili, come ad esempio le contestazioni dei verbali di accertamento, le contestazioni dei consumatori sulle forniture elettriche o di altra natura, l’accertamento della prescrizione o decadenza ecc.

Non possiamo non interrogarci sul senso di questa prospettiva e come gestire rischi ed opportunità: il rischio più grande è che: (1) ancora la tecnologia non è in grado di gestire autonomamente le sfumature del singolo caso; (2) la mancanza di educazione tecnologica come impostazione ed accettazione nel lavoro quotidiano a partire dalle istituzioni.

Le opportunità sono molteplici. Siamo tutti d’accordo che la tecnologia va resa mezzo e non fine, sfruttandone le eccezionali capacità di eliminare le interruzioni spazio temporali e la capacità di gestire l’enorme quantità di dati che in questa epoca abbiamo a disposizione, semplificando il nostro lavoro, la nostra vita.

Iscriviti alla newsletter

Unisciti alle menti principali della tecnologia legale e ricevi mensilmente le ultime notizie e gli aggiornamenti su legge, tecnologia legale, intelligenza artificiale e molto altro.

Grazie! La tua richiesta è stata ricevuta!
Oops! Something went wrong while submitting the form.